martedì 23 agosto 2011

Tempo di ...... prugne sciroppate

E’ già tempo di prugne
Generalmente qui da noi il mese delle prugne è settembre, ma quest’anno è tutto in anticipo e con il caldo degli ultimi giorni sono maturate alla perfezione, la mia produzione è sicuramente minore dello scorso anno ma in compenso tutte uniformi. 


Con le prugne possiamo fare una splendida confettura di prugne con la tecnica dello sciroppo di zucchero, con un po' di pazienza delle gustosissime prugne secche snocciolate, ma se il tempo è poco si possono fare anche delle facili e dolcissime prugne sciroppate.

Prugne
Acqua
Zucchero

Prendere le prugne (meglio se uniformi) e inciderle leggermente con un coltellino per poterci permettere di togliere l’osso. 
Snocciolarle è sicuramente il lavoro più brigoso però quando si mangiano lo si può fare in tranquillità e poi nel vaso ce ne stanno di più, senza considerare che l’osso della prugna è particolarmente pericoloso se inavvertitamente ingerito.

Quando avremmo snocciolato le prugne possiamo iniziare a riempire i nostri vasi, cercando di metterle in fila il più ordinatamente possibile tenendo chiuso il taglio da dove abbiamo tolto l’osso


quando il nostro vaso sarà completamente pieno (lasciare un po’ di bordo)
mettiamo sulle prugne alcuni cucchiai di zucchero ……. io su un vaso da chilo ne metto circa 4 poi aggiungiamo dell’acqua, ma senza arrivare al bordo e chiudere. 
Il nostro vaso è pronto per essere sterilizzato, sterilizzare mettendo il vaso in una pentola piena d’acqua (deve essere coperto dall’acqua per almeno due dita) e calcolare 20 minuti circa dal bollore, poi spegnere e lasciare raffreddare in acqua.


Buonissime da gustare nelle lunghe sere invernali.

Con della buonissima confettura di prugne potete anche fare una splendida crostata morbida


Un saluto a presto
Continua a leggere....

lunedì 15 agosto 2011

Cheesecake al cioccolato bianco e Auguri ad Anna

Ferragosto è quasi passato e spero lo abbiate trascorso bene
Questa mattina è iniziata con un diluvio e più che ferragosto sembrava fine settembre, ero in montagna con la stufa accesa ho colto l'occasione per fare una splendida treccia russa e nel pomeriggio abbiamo anche cotto anche delle castagne (conservate in freezer*) e direi che sono state graditissime
Oggi il mio blog festeggia il suo terzo compleanno, è passato moltissimo da quel giorno in cui con la frittata di zucchine al forno ho pensato d'iniziare a parlare delle mie ricette, ultimamente il tempo è poco ma lo spazio per il blog cerco sempre di ricavarlo. 
Per l'occasione e sopratutto per ringraziare voi che mi seguite e che mi apprezzate vi regalo questa splendida e semplice cheesecake al cioccolato bianco.


Base
200 biscotti secchi
125gr burro
15gr cacao

Crema
650gr ricotta
300gr cioccolato bianco tritato
60gr zucchero
30gr fecola
2 uova
Buccia arancia o limone
3 cucchiaini liquore

Base
Sbriciolare i biscotti e poi mescolarli con il cacao, aggiungere il burro fuso freddo e amalgamare molto bene
Mettere lo sbriciolato in una teglia, livellare schiacciando bene e poi mettere a riposare per circa 1 ora in frigo

Crema
Sbattere la ricotta con lo zucchero ed aromatizzare con la buccia d’agrume scelta. Continuando a mescolare unire un uovo alla volta, il cioccolato fuso freddo, il liquore e la fecola.
Versare il composto così ottenuto sulla nostra base di biscotti, uniformare la superficie ed infornare a 170° per circa 60-65 minuti  (a me sono bastati 60 minuti)
Una volta cotta sfornare e far raffreddare almeno 1 ora prima di servirla
Io preferisco farla la sera precedente.


Si può servire con dei frutti di bosco, fragole.
Io ho messo in superficie del miele di castagno ……. abbinamento fantastico e come decorazione delle fettine di mela disidratate.


E' veramente deliziosa una fettina virtuale va a tutte Voi che mi leggete


Questa fettina speciale è riservata alla mia Amica Anna che fra due giorni festeggia il suo compleanno ............. e lei sa perchè le dedico proprio questa torta ........ 
AUGURI ANNA


GRAZIE A TUTTE VOI 
a presto


* Castagne
Le castagne naturalmente erano dello scorso anno congelate
Se volete congelare le castagne e assaporarle fuori stagione è semplicissimo. 
Appena raccolte si cernono e si dividono per grandezza poi si tagliano come per far caldarroste e poi si mettono in sacchetti per freezer, si chiudono e si mettono in freezer. Al momento di consumarle si mettono ancora congelate (se le lasciate scongelare si seccano) sulla piastra calda, si lasciano cuocere e si assaporano.
Una vera delizia, provare per credere

Continua a leggere....

martedì 9 agosto 2011

Zucchine in agrodolce e vellutata

L’estate è splendida ma quest’anno si fa un po’ desiderare, almeno qui è molto instabile questa mattina l’aria era frizzantina da fine settembre con cielo terso, adesso ci sono già i nuvoloni per il temporale serale.
L’orto è sicuramente una grande ricchezza, ortaggi ed erbacce con tutta l'acqua continuano a crescere e come ogni anno capita c'è sempre un gigante che vuole scappare.
Quest’anno le protagoniste sono queste splendide zucchine della bellezza di 2700gr e 2100gr, zucchine meravigliose e tenerissime perché cresciute con tutta quest’acqua in massimo due giorni. 
Sarebbe stato un vero spreco non utilizzarle al meglio, sembrava di tagliare burro tanto erano tenere e pochissimo era lo scarto centrale.


Con la zucchina da 2700gr ho fatto delle splendide zucchine in agrodolce per pranzo e una vellutata per cena.


Zucchine in agrodolce
Zucchine
Aglio
Olio d’oliva
Filetti acciughe sott’olio
Uvetta
Aceto bianco
zucchero

Tagliare le zucchine a bastoncini e rosolarle in padella con un po’ d’olio e aglio. Farle cuocere per qualche minuto poi bagnarle con un bicchierino d’aceto bianco, aggiungere i filetti d’acciuga, l’uvetta e un cucchiaio di zucchero e proseguire la cottura devono però rimanere belle sode, se servisse aggiungere un po’ di brodo vegetale. Spegnere e far raffreddare.
Ottime servite tiepide



Poiché la mia zucchina era enorme per crearmi dei bastoncini, ho dovuto togliere un pezzo di polpa centrale con cui ho preparato una splendida vellutata per cena


Vellutata
Rosolare dei cubetti di cipolla, poi aggiungere la zucchina a pezzetti, un cucchiaio di maizena e coprire con del brodo vegetale e far cuocere finchè sono belle morbide. Se l’avete aggiungete anche un fiore di zucchina, da una nota di colore. Si possono quindi schiacciare le zucchine con la forchetta (io lo preferisco) o frullarle e poi aggiungere una noce di burro e una bella manciata di grana e servire.



Le zucchine possono essere delle protagoniste molto versatili
Rotoli di zucchine con robiola
Frittata di zucchine al forno
Crostata di zucchine
Pane alle zucchine
Torta di zucchine


ma si possono anche conservare, basta consultare la sezione zucchine

Con questo post vorrei ringraziare anche chi mi ha donato dei premi 
e mi scuso se non ho tempo di cottracambiare
Continua a leggere....
Related Posts with Thumbnails